« Dicembre 2007 | Main | Febbraio 2008 »

Gennaio 2008 Archivi

14.01.08

La Lega Calcio scende in campo con la FAO

tflogo_v.gif

Domenica 20 gennaio su tutti i campi di calcio di serie A, prima dell'inizio delle partite, saranno esposti striscioni per invitare i tifosi, e tutta la società civile, ad impegnarsi in prima persona nella lotta contro fame e povertà. L'iniziativa di solidarietà quest'anno andrà a favore di un progetto TeleFood della FAO nella Repubblica Democratica del Congo.

Orti scolastici nella Repubblica Democratica del Congo

Il progetto avvierà orti scolastici in cinque scuole, tre elementari e due medie del distretto di Dimbelenge, un'area che raccoglie 28 villaggi con una popolazione di circa 120.000 abitanti.

La Repubblica Democratica del Congo risente ancora pesantemente della guerra civile che ha insanguinato il paese dal 1998 al 2003 e che si stima abbia causato oltre 3,3 milioni di morti e circa 3 milioni di sfollati. Dal 2003 si è raggiunta una relativa stabilità, ma in molte zone perdurano i disordini ed una situazione di conflitto latente che spesso degenera in guerra aperta.

Si semineranno orti di circa 10 ettari per fornire i pasti scolastici ma anche in grado di produrre surplus da destinare al mercato, per aiutare a rimettere in piedi le strutture scolastiche danneggiate o distrutte dopo anni di conflitto. I progetti, non solo incentiveranno la frequenza scolastica, fornendo accesso al cibo, ma contribuiranno anche a migliorare la produzione alimentare dell'intera popolazione coinvolta mediante la fornitura di sementi di qualità e di attrezzi agricoli.

Roberto Baggio promotore dell'iniziativa

Promotore dell'iniziativa è stato Roberto Baggio, dal 2002 Ambasciatore di buona volontà della FAO ed impegnato personalmente su questo fronte. "Sono lieto di poter contribuire con questa iniziativa ad accrescere la sensibilità nei confronti del problema della fame nel mondo, una questione che ci riguarda tutti e che potrà risolversi solo con l'impegno individuale di ciascuno di noi", ha dichiarato Baggio.
Già nel gennaio 2006 la Lega calcio aveva destinato una giornata alla campagna TeleFood della FAO, e nell'ottobre 2007 una simile iniziativa è stata promossa dalla Liga spagnola con il supporto del calciatore spagnolo, Raúl González,capitano del Real Madrid, Ambasciatore di buona volontà della FAO dal 2004.

Progetti piccoli ma efficaci

Il programma TeleFood della FAO finanzia micro-progetti, con costi inferiori a 7.000 euro, che aiutano gli agricoltori su piccola scala a produrre più cibo e generare entrate per un miglior accesso agli alimenti. Le categorie di progetto vanno dalla produzione agricola, a quella ittica e all'allevamento, compreso il supporto alle iniziative degli orti scolastici e l'apicoltura. Tutti i soldi sono interamente dedicati al progetto e nulla viene speso per costi amministrativi.

Dalla sua creazione, nel 1997, il Programma TeleFood, con l'organizzazione di concerti ed eventi sportivi e televisivi, e con il coinvolgimento di personalità del mondo dello spettacolo, dello sport, della cultura - i cosiddetti Ambasciatori di Buona Volontà – ha raccolto oltre 20 milioni di dollari che hanno finanziato più di 2500 progetti in 130 paesi.

telefood.gifslogan.gif
Per sostenere i micro-progetti TeleFood della FAO inviare bonifico bancario al conto corrente FAO-TeleFood,codice IBAN IT54 B030 6903 3560 2233 4450 105 presso Banca Intesa, Filiale FAO, Viale delle Terme di Caracalla, 00153 Roma.

Il Programma TeleFood
http://www.fao.org/food/italian/index.html


L'elenco completo dei progetti realizzati
http://www.fao.org/telefood/project/list.asp

21.01.08

Premio "Roma per la pace" - Le Foto

DSC_0133.jpg
(Ecco le foto della consegna del premio "Roma per la Pace e l'Azione Umanitaria" che Roberto ha ritirato per Aung San Suu Kyi. Tra gli altri si riconoscono il Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, il sindaco della città di Roma, Walter Veltroni, e il Primo Ministro del governo birmano in esilio, Sein Win.)

Questo uno stralcio dell'intervento di Roberto:

Buonasera a tutti,
Sono molto orgoglioso che una donna valorosa come Aung San Suu Kyi abbia incaricato me di ritirare il premio "Roma per la Pace e l'Azione Umanitaria" che il Comune di Roma gli ha assegnato. La motivazione per la consegna di questo riconoscimento è importante: ad Aung è stata assegnata l'edizione 2007 del premio "per il suo impegno pacifico e non violento che da anni profonde a favore della libertà, la democrazia e i diritti umani del popolo birmano." Queste parole meritano di essere lette perché sono vere, semplici, efficaci e descrivono esattamente la battaglia di questa eroina dei nostri tempi.
Il coraggio di questa splendida donna, deve servire da monito a tutti noi, il suo impegno costante in favore della libertà del suo popolo deve non solo spingerci a una continua attenzione e supporto a favore della causa birmana ma deve spronarci poiché in tutto il mondo, anche nelle aree cui solitamente i media non prestano una profonda attenzione, le lotte in favore della giustizia e a difesa della dignità delle persone siano combattute e vinte.

DSC_0078.jpg

Aung, con la sua fierezza, il suo eroismo, ci insegna a non abbandonare la speranza anche nei momenti di difficoltà e nella sua vita, come voi tutti sapete, ce ne sono stati molteplici. Questa donna ha una forza incredibile! Al suo fianco sono recentemente scesi nelle strade delle maggiori città birmane anche i monaci buddisti del paese, per dire basta a un potere che nega i diritti degli individui. Gli esempi che ci propongono questi uomini sono straordinari: camminando in silenzio per le strade i monaci ridonano dignità a una popolazione. Il popolo riconosce immediatamente questa autorevolezza, e segue l'esempio proposto: la prima battaglia è già vinta. Una battaglia non violenta che nemmeno le armi e la forza possono fermare, anzi.
Questi esempi devono muoverci all'azione. Insieme a Vittorio in questi mesi stiamo costituendo un'associazione che si ponga al fianco di tutti gli "eroi" dei nostri tempi: la Heroes Company.
Heroes Company guarda a quelle persone che, spesso tra l'indifferenza dei media, offrono il loro contributo al mondo, offrono anche la loro vita. Come i monaci buddisti in cui immediatamente abbiamo riconosciuto i valori della Heroes Company: coraggio, solidarietà, forza, dignità. Valori che accomunano, ad esempio, anche il fotografo ucciso per testimoniare ciò che stava avvenendo, ucciso perché voleva informare il mondo, rischiando in prima persona. Valori che in tutto il mondo muovono all'azione tante persone, che lottano perché i diritti dell'uomo vengano rispettati. Persone dall'animo nobile e dal coraggio indomito come Aung San Suu Kyi.
Noi ci dobbiamo porre idealmente al loro fianco. La loro lotta non violenta per la libertà e per la pace deve ispirare le nostre coscienze.
Come dice Aung San Suu Kyi:"La lotta per la democrazia e i diritti dell'uomo in Birmania è una lotta per la vita e la dignità. È una lotta che comprende le nostre aspirazioni politiche, sociali ed economiche." Oggi, assegnando il premio a questa donna, ci impegniamo anche a essere all'altezza di questa sue parole.
Grazie.

DSC_0084.jpg

DSC_0108.jpg

DSC_0136.jpg

About Gennaio 2008

This page contains all entries posted to Roberto Baggio - Sito ufficiale in Gennaio 2008. They are listed from oldest to newest.

Dicembre 2007 is the previous archive.

Febbraio 2008 is the next archive.

Many more can be found on the main index page or by looking through the archives.

_POWERED_BY

Credits

© 2007 Kronomark&Partners Spa - Legal Information Copyright and Publishing - Tutti i diritti riservati.